Richiedi un suggerimento

Lista di vini di La Distesa

La Distesa è una tra le realtà più rappresentative e simboliche del mondo dei vini naturali. Una realtà giovane, fondata nel 2000 da Corrado Dottori che, dopo una laurea in Economia alla Bocconi di Milano decide, assieme alla compagna Valeria, di trasferirsi nella sua terra natale, a Cupramontana nell'entroterra marchigiano, e riprendere la produzione famigliare attraverso un approccio genuino e rispettoso del territorio e dei vitigni: un forte desiderio di raccontare un territorio con le sue mille complessità e seguire le stagioni con le loro evoluzioni sempre diverse. Attualmente il terreno vitato è di 8,5 ettari e si estende tra i comuni di San Paolo di jesi, Staffolo e Cupramontana: vigne di fra i 25 e i 45 anni di età di Sangiovese, Montepulciano, Trebbiano e Verdicchio che rappresentano le uve della tradizione marchigiana. Da anni i vigneti sono lavorati in modo da salvaguardare e lasciare esprimere al massimo le biodiversità, seminando tra i filari favino, veccia, pisello, erba medica e lasciando prosperare le essenza spontanee. Qui si seguono i principi dell'agricoltura biodinamica, in vigna trattamenti solo con zolfo e piccole dosi di rame e una o due volte l'anno si spruzza il preparato 500 (cornoletame). Le rese sono molto basse, la vendemmia rigorosamente manuale per permettere un'accurata selezione delle uve. Le fermentazioni sono spontanee con lieviti indigeni e il livello di solforosa è basso. La storia di Corrado, assieme a quella di altri 3 vignaioli che come lui hanno scelto di fare vino rispettando ciò che la terra porta con sè senza distorsioni, è documentata nel film di Jonathan Nossiter "Resistenza Naturale"

194.jpg

La Distesa è una tra le realtà più rappresentative e simboliche del mondo dei vini naturali. Una realtà giovane, fondata nel 2000 da Corrado Dottori che, dopo una laurea in Economia alla Bocconi di Milano decide, assieme alla compagna Valeria, di trasferirsi nella sua terra natale, a Cupramontana nell'entroterra marchigiano, e riprendere la produzione famigliare attraverso un approccio genuino e rispettoso del territorio e dei vitigni: un forte desiderio di raccontare un territorio con le sue mille complessità e seguire le stagioni con le loro evoluzioni sempre diverse. Attualmente il terreno vitato è di 8,5 ettari e si estende tra i comuni di San Paolo di jesi, Staffolo e Cupramontana: vigne di fra i 25 e i 45 anni di età di Sangiovese, Montepulciano, Trebbiano e Verdicchio che rappresentano le uve della tradizione marchigiana. Da anni i vigneti sono lavorati in modo da salvaguardare e lasciare esprimere al massimo le biodiversità, seminando tra i filari favino, veccia, pisello, erba medica e lasciando prosperare le essenza spontanee. Qui si seguono i principi dell'agricoltura biodinamica, in vigna trattamenti solo con zolfo e piccole dosi di rame e una o due volte l'anno si spruzza il preparato 500 (cornoletame). Le rese sono molto basse, la vendemmia rigorosamente manuale per permettere un'accurata selezione delle uve. Le fermentazioni sono spontanee con lieviti indigeni e il livello di solforosa è basso. La storia di Corrado, assieme a quella di altri 3 vignaioli che come lui hanno scelto di fare vino rispettando ciò che la terra porta con sè senza distorsioni, è documentata nel film di Jonathan Nossiter "Resistenza Naturale"

download (1).jpg
download.jpg
Altro
Mostrando 1 - 15 di 15 elementi
Mostrando 1 - 15 di 15 elementi